Cinecomics header

I Cinecomics sono meglio dei fumetti?

cinecomic supermanCome avrete capito con questo titolo volutamente provocatorio, oggi si parla di nuovo di Cinecomic.

Lo facciamo però partendo da uno spunto di riflessione sperando ne possa nascere un dibattito interessante.

Innanzitutto partiamo da una considerazione: quando è nato il termine Cinecomic?

Sarebbe facile far risalire le origini del termine alle prime vere produzioni Hollywoodiane ad alto budget basate su personaggi dei fumetti.

Parlo ad esempio del Superman di Richard Donner o del Batman di Tim Burton. Facile e forse sensato, ma non del tutto corretto. Tanto che in quel periodo quando si parlava di film così costosi si faceva riferimento ad essi chiamandoli Kolossal, a prescindere da quali natali avessero i loro protagonisti.

Andiamo avanti allora, portandoci a tempi più recenti, verso lo Spider-man di Sam Raimi o gli X-men di Bryan Singer. In questi casi forse il termine Cinecomic potrebbe essere usato con maggior ragione.

Eppure  per quanto mi danni a cercare su Internet o sulle riviste di settore di quel periodo, non ne vengo fuori. Il termine non girava con la stessa frequenza e lo stesso significato di oggi.

cinecomic spider

E allora?

Dobbiamo proiettarci in avanti, verso un’ epoca molto più recente. Per l’esattezza dobbiamo arrivare al l’incirca al 2008-2010 perché il termine prenda effettivamente piede.

Vi viene in mente qualcosa? Esatto, sono gli anni in cui getta le sue basi il Marvel Cinematic Universe.

Di topi ed universi economici

L’entrata in campo dei Marvel Studios (e pertanto della Disney) segna un cambio radicale per il mercato dei film a tema super-eroistico.

Di fatto la multinazionele con le orecchie da topo non fa altro che trasformare delle pellicole fantastiche in un vero e proprio sottogenere con delle regole sue.

cinecomic iron man

Se vi fermate a pensare ai 20 e passa film prodotti dai Marvel Studios fino ad oggi non faticherete a notare come dietro ad essi vi siano valori produttivi diversi e variabili. Non tutti i film sono pellicole ad alto budget come Endgame ed Infinity War. Anzi buona parte dei cinecomic made in Marvel Studios in verità non sono altro che pellicole a medio budget.  Di quelli che un tempo sarebbero passati semplicemente come Blockbuster dalla vita breve al cinema e dalla seconda giovinezza in cassetta.

cinecomic ant-man wasp

I Marvel Studios invece, forti di un lavoro di pianificazione a tavolino che fino ad ora non ha avuto eguali, riescono a dare uno stile comune alle pellicole, fatto di azione e humor tagliato per le famiglie

Stile che è stato in grado di diventare un tratto distintivo con cui adesso vengono intesi i cinecomic da quella fetta di pubblico che con i fumetti non ci ha mai avuto niente a che fare.

Già, perché il vero miracolo è stato proprio questo: avvicinare il pubblico di massa ai personaggi e temi abituali per la geek community, livellando le differenze fra le due fette di pubblico.

Chi ne ha tratto il più grande vantaggio?

Sempre la multinazionale con le orecchie da topo.

Tra tentativi e successi

Di fatto dietro alla Mavel comics ed alla DC comics ci sono due giganti come la Disney e la Warner. Di fatto a nessuno dei due interessa davvero più di tanto delle loro produzioni a fumetti.

Guardiamo in faccia la realtà, il mercato dei comicbooks è talmente striminzito da non smuovere una quantità di denaro significativa per le due potenze.

Eppure, la Warner ci ha messo pochissimo a buttarsi nel campo dei cinecomic, cercando di scimmiottare malamente e goffamente quanto fatto dalla Disney.

cinecomic Superman Bs Batman

Gli iniziali sconsolanti risultati li abbiamo visti tutti. Pellicole ad alto budget che tuttavia si sono rivelate deludenti sia in termini di di critica sia di incasso al botteghino.

Eppure la WB ci riprova, non si arrende, arranca ma non molla il colpo.

Mettendo a segno anche qualche pellicola (Aquaman e, soprattutto, Shazam) maggiormente consona al canovaccio imbastito dai Marvel Studios e baciata da un maggiore successo al botteghino.

cinecomic shazam

Come mai? Semplicemente perché quello dei cinecomic è diventato un mercato troppo ghiotto per poterci rinunciare senza combattere. E questo nonostante delle divisioni fumettistiche in verità continui a non interessare più di tanto.

Ma le proprietà intellettuali che quelle divisioni portano come dote? Quelle sono un altro paio di maniche.

Due mondi che non si toccano (più)

Tutto questo discorso per ricollegarmi alla provocazione del titolo. I cinecomic sono meglio dei fumetti?

Per come la vedo io la risposta purtroppo è si. Sono meglio per Disney e Warner, che sono riuscite (più o meno) a trasformare i personaggi dei fumetti da sfigati in icone pop in grado di smuovere le masse.

E per certi versi (odiatemi) lo sono anche per noi. Da tanto ormai i cinecomic sono diventati il vero motore dietro ai fumetti. Se all’inizio le storie cinematografiche traevano spunto ed inspirazione dal mondo fumettistico, ben presto il trend si è invertito.

nebula

Adesso sono i fumetti che nella maggior parte dei casi corrono dietro ai film, riproponendone tematiche e personaggi nei tempi e nei modi dettati dal grande schermo. Persino nella caratterizzazione estetica.

Sono certo che altri attori cercheranno di entrare nel mercato, semplicemente perché è troppo ghiotto per restare a digiuno. Sony ad esempio, forte dei diritti di Spider-man e della possibilità di trasporre su schermo il validissimo universo Valiant, sarà quasi sicuramente uno dei prossimi giocatori della partita.

bloodshot

Tutto finché il mercato non sarà non verrà saturato portando al possibile scoppio o ridimensionamento della bolla.

Ma per allora magari ci sarà qualche nuovo nerd, venuto fuori dalla scorpacciata di super eroi al cinema, disposto a seguire i suoi personaggi del cuore nonostante le fortune avverse.

Voi cosa ne pensate? Lo spazio dei commenti e aperto per il dibattito!

Con questo e tutto. Anche per oggi [email protected] vi saluta. Passo e chiudo!

14
Lascia un commento

avatar
 
7 Autori dei commenti
ArcangeloDavidePirkafW@lly WestJohnny Cornerhouse Autori dei commenti più recenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Sottoscrivi  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Conte Gracula | <span class="wpdiscuz-comment-count" style="font-size:11px">46 comments</span>
Ospite

Trovo che alcuni cinecomic siano migliori di certi fumetti, ma in linea di massima, le storie e i personaggi non mi soddisfano: anche i più carini li ho dimenticati in un nanosecondo, e i personaggi – spesso troppo diversi da come li ho conosciuti nei fumetti o nei cartoni più vecchi – mi sembrano troppo “fanfiction”. Non so come spiegarmi meglio…

Quindi boh, se i fumetti stanno rincorrendo i film, accontentandosi di scimmiottarli, probabilmente sono fumetti che non mi interesserà leggere, salvo le dovute eccezioni: se non mi interessa tanto il nuovo originale (il film) non vedo perché dovrei strapparmi i capelli per la copia (il fumetto).
In generale, la tecnica, la messa in scena e gli effetti speciali potranno produrre una mimesi del fumetto ad alti livelli, avendo i soldi del Topo da spendere, ma finché le storie le scriveranno e dirigeranno gli esperti del marketing, non mi interesseranno granché.

Emanuele Di Giuseppe | <span class="wpdiscuz-comment-count" style="font-size:11px">96 comments</span>
Member

Concordo sul periodo in cui iniziare ad usare il termine, io lo lego anche alla fine delle idee originali di Hollywood, costretti ad attingere dai fumetti, usandolo anche in modo dispregiativo, come il cinepanettone. Per l’appunto ne guardo pochissimi. E questo mi porta al secondo punto sul quale non concordo, per me non sono migliori, almeno in termini di qualità.

Sui fumetti che, viceversa, attingono dai film, è una usanza che c’è sempre stata. Ancora ricordo le Madonne per la S sulla cintura dopo Superman Returns o quella sul petto in rilievo (che purtroppo è tornata nell’ultimo costume, manco Reis riesce a renderla accettabile). Oppure, passando a qualcosa di recente, Aquaman capellone e barbuto, che però a sua volta si ispirava a quello dei tempi di David, anche per il non-costume, quando aveva l’uncino/arpione. Non posso parlare della Marvel ma almeno alla DC si è trattato sempre di cose temporanee e più sull’aspetto estetico che su quello caratteriale e di trame.

Aggiungerei anche Wonder Woman tra le pellicole DCEU riuscite. Non schifo neanche Justice League ma secondo me sarebbe uscito meglio con Snyder, nonostante abbia fatto schifo nei due precedenti film.

Johnny Cornerhouse | <span class="wpdiscuz-comment-count" style="font-size:11px">3 comments</span>
Ospite
Johnny Cornerhouse | 3 comments

Ciao Wally, ottimo spunto di riflessione. Purtroppo mi trovo in una posizione scomoda per poter sembrare obiettivo. Tifo DC e anche le ciofeche come Batman Vs Superman mi sono sembrate filmoni. Così come anche Dark Phoenix che a me, tutto sommato è piaciuto.
Quindi cercherò di articolare la mia risposta in due step:
1) Alcuni film Marvel mi piacciono molto altri li ho odiati fortemente e li trovo insopportabili. Spinto dall’entusiasmo ho comprato degli albi attuali di Marvel con il risultato che non ritrovando lo stesso Tony Stark o lo stesso Thor non sono mai stato incentivato a proseguire dopo un paio di numeri.
2)Sto comprando i fumetti DC comics quasi per inerzia quando in realtà dovrei spendere meglio i miei soldi con albi e raccolte del passato. L’ultimo batman che mi è piaciuto è quello della Corte Dei Gufi… per il resto grossa noia. I film DC nella loro mediocrità invece usano (Anche se male) figure iconiche di quel mondo, che onestamente, mi piacciono di più.
Tutto questo per dire che i film con i super eroi seppur con i loro alti e bassi sono, secondo me, migliori di quanto c’è oggi in fumetteria.

Pirkaf | <span class="wpdiscuz-comment-count" style="font-size:11px">10 comments</span>
Ospite
Pirkaf | 10 comments

Forse complice l’età non sono un gran fruitore degli ultimi film Marvel o di quelli DC.
Al massimo ho apprezzato moltissimo il telefilm di Daredevil anche perché sono molto legato al personaggio, ma non scambierei mai il telefilm con Rinascita di Frank Miller, per dire.
Vale lo stesso per i ventordici film degli X-Men che vengono surclassati da qualsiasi episodio scritto da Claremont negli anni ’80.
C’è da dire che però io ho abbandonato i fumetti da parecchio tempo e sono legato quindi ad una visione più classica dello stesso, e delle storie moderne so poco o nulla.
Per esempio a me lo Spiderman di Raimi piacque moltissimo ( il secondo persino di più ), ma comunque preferivo leggere le storie di De Matteis anche se le due cose cose non andavano in contrapposizione.
Oggi esistono milioni di persone che conoscono i personaggi Marvel senza averne mai letto un fumetto.
Senza il traino cinematografico è probabile che il fumetto supereroistico sarebbe in piena difficoltà quindi ben vengano, anche se dubito che i ragazzini vadano oltre il merchandising e possano diventare lettori, ma mai dire mai.

Davide | <span class="wpdiscuz-comment-count" style="font-size:11px">1 comments</span>
Ospite
Davide | 1 comments

Dire che i cinecomic sono meglio dei fumetti è come dire che gli spaghetti alla chitarra sono meglio di un brano di Segovia: sono fatti con lo stesso strumento, ma non sono giudicabili sullo stesso piano. Io ad esempio non riesco a guardare un cinecomic oltre i primi venti minuti e non per partito preso, ma perché hanno delle dinamiche che proprio mi risultano indigeste: il ritmo è sempre forsennato, non si lascia mai tempo alla riflessione, non traspare la personalità di un artista creativo.
Ma non per questo dico che i fumetti siano migliori o peggiori dei cinecomic. Mica siamo al Festival di Sanremo, dove si decide se una canzone è migliore o peggiore delle altre 😉

Arcangelo | <span class="wpdiscuz-comment-count" style="font-size:11px">69 comments</span>
Member

Mi ero dimenticato poi di commentare seriamente, premesso che per me i fumetti avranno sempre un fascino maggiore per tantissimi motivi, mi limito a dire che non necessariamente è un male che i fumetti oggi siano influenzati anche dai film, diciamo che si influenzano a vicenda. Il problema è quando se ne escono con commercialate palesi, in un ambiente che è già commerciale di suo, per seguire i film con titoli come Civil War II o Infinity Wars.